Federazione della Sinistra Lazio

Peduzzi (Prc-Fds): “Giunta dimissionaria ma continuano nomine e sprechi”

FdS Lazio Logo

“Il Consiglio e la Giunta regionale sono dimissionari, eppure continuano le nomine, le consulenze e le attribuzioni di centinaia di incarichi dirigenziali.

Sanità, Peduzzi (Prc-Fds) e Nobile (Pdci-Fds): “Disponibili a richiedere un consiglio straordinario”

Sanita

“Condividiamo l’allarme espresso dal capogruppo del gruppo misto alla Regione Lazio, Paris, e gli obiettivi della protesta ormai dilagante in tutta la regione sui temi della sanità. Da parte nostra siamo pienamente disponibili a richiedere un consiglio straordinario che, insieme alle mobilitazioni in corso, rivendichi l’immediata cessazione del commissariamento e l’annullamento di ogni suo atto.

PROBLEMATICHE ASSISTENZIALI ED OCCUPAZIONALI AL TEMPO DELLA CRISI

PROBLEMATICHE ASSISTENZIALI ED OCCUPAZIONALI AL TEMPO DELLA CRISI LA SANITA’ IN APPALTO NEL COMPRENSORIO

Giovedì 13 dicembre ore 17.00
Presso Aula Consiliare Calamatta del Comune di Civitavecchia
 

FIRMIAMO I REFERENDUM

 

FERMIAMO LA GUERRA A GAZA

 

Cinque proposte per andare ad “elezioni subito”

FdS Logo

Cinque proposte per andare ad “elezioni subito”. La FdS del Lazio sembra avere le idee chiare per le prossime elezioni politiche regionali che, quanto a tempi e modalità, restano in realtà un’incognita. Cinque proposte su cui costruire una piattaforma programmatica condivisa con altre forze politiche e sociali del panorama di sinistra, per riprendere in mano la guida della regione dopo la sciagurata gestione Polverini. E un filo rosso percorre tutti e cinque i punti del documento presentato ieri nella sala delle Carte Geografiche, alla presenza dei segretari regionali della Fds Lazio e dei consiglieri regionali Ivano Peduzzi e Fabio Nobile: la “moralizzazione” della politica e dei comportamenti di chi andrà a sedere in Consiglio.

SANITA’. PEDUZZI (PRC-FDS): “A RISCHIO CHIUSURA OSPEDALI DELLA TUSCIA”

Sanità Lazio

“Il blocco delle assunzioni nella sanità rischia di far collassare le strutture ospedaliere viterbesi. E' il caso dell'ortopedia dell'ospedale Belcolle di Viterbo che, in assenza di una deroga al blocco delle assunzioni, rischia di travolgere i nosocomi di Tarquinia e Civita Castellana. Sembra, infatti, che la soluzione scelta dalla direzione generale dell’Asl di Viterbo sia quella di sopperire alle carenze di organico nell’ortopedia di Belcolle, destinandovi personale in servizio presso i reparti degli altri due ospedali della Tuscia.

Syndicate content