PERCHE' IL LAVORO E' UN BENE COMUNE

   
Nel Lazio parte la campagna dei Giovani Comunisti

"PERCHE' IL LAVORO E' UN BENE COMUNE!"

  • STOP ALLA PRECARIETA'
  • CONTRATTO nazionale
  • DIRITTI dei lavoratori
  • REDDITO minimo garantito
DIFENDIAMO IL LAVORO, COMINCIAMO DAL LAZIO!
Affermare che il lavoro è un bene comune significa dire che il lavoro non è una merce.

Il modello di lavoro che si presenta davanti ai nostri occhi è fatto di precarietà, di annientamento dei diritti deilavoratori e delle lavoratrici, con la mortificazione delle competenze e l'imposizione di una concorrenza sfrenata fra lavoratori.Pur troppo, oggi il lavoro viene considerato come il residuo di una civiltà arcaica che va liberato da tutele e da diritti, e il lavoratore da ogni forma di sicurezza sia per la salute che di reddito.

Da queste considerazioni è nata la decisione di impegnarci in una campagna regionale, nel Lazio, in difesa dei lavoratori e delle lavoratrici, per restituire al lavoro il ruolo che gli compete: il lavoro deve tornare al centro del palcoscenico sociale del nostro Paese!

Perché il lavoro è un bene comune! Riconoscere e rivendicare il lavoro come bene comune, significa considerare il lavoro come un patrimonio sociale collettivo, connotato da diritti di cittadinanza e di democrazia.Per fare in modo che la lotta alla precarietà, l'estensione dei diritti dei lavoratori, la ricomposizione dei processi

   

AttachmentSize
Manifesto2 MB
Adesivo1.21 MB